On July 11, the Court of Milan issued a preliminary injunction against Cloudflare, a US company which provides i.a. DNS (Domain Name System) services, ordering to block the DNS resolution of several torrent websites. These were found infringing Sony, Universal and Warner’s copyright by illegally making music tracks available to the public.

DNS is a system that allows users to access websites by turning website addresses (meaning “www” strings) into numeric IP addresses, through a name-to-IP address conversion process known as “DNS resolution”. This system allows users to find a website by its name instead of its IP address, which is much longer and more difficult to remember.

The preliminary proceedings before the Court of Milan follows several decisions by which AGCOM, on a motion filed by the Federazione contro la pirateria musicale e multimediale (Federation against music and multimedia piracy – FPM) on behalf of Sony, Universal and Warner, had ordered service providers to prevent Italian users from accessing the torrent websites concerned.

Following said decisions, the petitioners had noted that, while the infringing websites were not accessible to the public through the connections offered by service providers (TIM, Vodafone, etc.), they were instead accessible through the public DNS service provided by Cloudflare.

The petitioners therefore filed a motion for preliminary injunction before the Court of Milan against Cloudflare, as an intermediary service provider involved in copyright infringement pursuant to Article 156 of the Italian Copyright Law. The petitioners claimed that Cloudflare, despite being able to comply with AGCOM’s orders, had not implemented the requested restrictions and was still allowing Italian users to access the infringing websites using Cloudflare’s DNS service.

Before the court Cloudflare argued, on the one hand, that from a practical point of view the blocking measures requested by the petitioners could not be implemented without negative consequences on the accessibility of other non-infringing websites and, on the other hand, that such measures were essentially useless, since the infringing websites could have been easily accessible through other public DNS services anyway.

The Court of Milan rejected Cloudflare’s arguments and granted the PI, ordering Cloudflare to immediately implement the most appropriate technical measures to prevent all users of its services from accessing the infringing websites, blocking the DNS resolution of the concerned domain names (and their aliases), and ordering Cloudflare to pay a penalty of Euro 10,000 for each day of delay in complying with said order.

The above mentioned decision is quite significant as for the first time a court was faced with the question of how to deal with a blocking order issued by a public authority (and implemented by Italian access providers) that can be bypassed by simply using a public DNS service, such as the one provided by Cloudflare.

Cloudflare has appealed the decision. The Court of Milan will therefore have the opportunity to assess in further details the issues related to this particular type of DNS resolution service.

Il Tribunale di Milano ha emesso l’11 luglio scorso un’ordinanza cautelare con cui ha ordinato a Cloudflare, società statunitense fornitrice tra gli altri di servizi di DNS (Domain Name System), di bloccare la risoluzione DNS di alcuni siti di torrent che consentivano illecitamente la messa a disposizione del pubblico di brani musicali in violazione dei diritti d’autore di Sony, Universal e Warner.

Il DNS è un sistema che consente agli utenti di accedere ai siti web, traducendo gli indirizzi web dei siti (ossia le stringhe “www”) in indirizzi IP numerici, attraverso un’operazione di conversione da nome a indirizzo IP detta appunto “risoluzione DNS”. Questo sistema permette agli utenti di trovare un sito partendo dal suo nome invece che dal suo indirizzo IP, molto più lungo e difficile da ricordare.

Il procedimento cautelare davanti al Tribunale di Milano ha fatto seguito a diverse delibere con cui l’AGCOM, su istanza presentata dalla Federazione contro la pirateria musicale e multimediale (FPM) per conto di Sony, Universal e Warner, aveva ordinato ai service provider la disabilitazione dell’accesso ai siti di torrent in questione da parte degli utenti italiani.

A seguito di tali delibere, le ricorrenti avevano rilevato che, mentre i siti in questione non potevano effettivamente essere raggiunti tramite i fornitori dei servizi di connessione (TIM, Vodafone, ecc.), essi erano invece accessibili attraverso il servizio DNS pubblico prestato da Cloudflare, che poteva essere utilizzato come servizio alternativo alla risoluzione DNS generalmente fornita dai servizi di connessione.

Le ricorrenti hanno quindi agito in via cautelare davanti al Tribunale di Milano contro Cloudflare, in quanto intermediario fornitore di servizi che venivano utilizzati per la violazione dei diritti d’autore ex art. 156 della legge sul diritto d’autore. Le ricorrenti hanno lamentato in particolare il fatto che Cloudflare, nonostante fosse perfettamente in grado di implementare gli ordini dell’AGCOM, non aveva applicato i blocchi ai siti in questione e permetteva agli utenti italiani che usavano il suo servizio di DNS di raggiungerli ugualmente.

Cloudflare ha resistito in giudizio affermando, da un lato, che il blocco dei siti richiesto dalle ricorrenti non sarebbe concretamente attuabile senza causare un effetto negativo anche sull’accesso agli altri siti non oggetto di contestazione e, dall’altro, che tali misure sarebbero sostanzialmente inutili posto che tutti i domini azionati dalle ricorrenti sarebbero comunque facilmente accessibili tramite altri servizi pubblici di DNS.

Il Tribunale di Milano ha rigettato gli argomenti di Cloudflare ed accolto il ricorso, ordinando a Cloudflare di adottare immediatamente le più opportune misure tecniche al fine di inibire a tutti i destinatari dei propri servizi l’accesso ai servizi dei siti in questione, inibendo la risoluzione DNS dei rispettivi nomi a dominio (e relativi alias) e fissando una penale di 10.000 Euro per ogni giorno di ritardo nell’esecuzione dell’ordine.

Si tratta di una decisione molto importante in quanto per la prima volta è stato portato all’attenzione di un Giudice come il blocco disposto da un’autorità (ed implementato dagli access provider italiani) possa essere bypassato con il semplice utilizzo di un servizio di DNS pubblico, come quello offerto da Cloudflare. Per tale ragione, la fornitura da parte della resistente di un tale servizio è stato oggetto di una specifica richiesta di inibitoria delle ricorrenti.

Cloudflare potrà proporre reclamo contro l’ordinanza del Tribunale di Milano. È possibile che nel corso di tale fase il Tribunale avrà modo di approfondire maggiormente diverse questioni legate a questa particolare tipologia di servizio di risoluzione DNS.

The Italian Competition and Market Authority (“AGCM” or “Authority”) has closed an investigation launched in July 2021 against McDonald’s Development Italy LLC (“McDonald’s”) regarding an alleged violation of art. 9 of Italian Law no. 192/1998 concerning the so called “abuse of economic dependence”.

According to such provision, a company shall not exploit the state of economic dependence in which another company may be in connection to it. In this respect, economic dependence is defined as a situation where one company is capable of determining an excessive imbalance of rights and obligations with the dependent company.

This is a notion of abuse that applies irrespective of the existence of a dominant position on the market, if a position of relative dominance can be found in the contractual relationship, with one of the two contractual partners being in a position of dependence on the other, typically by virtue of sunk investments in the relationship. Historically, cases of economic dependence have primarily been brought before the civil courts, with limited interest in the notion by the AGCM. The last two years have however seen a renewed interest of the Authority in addressing cases of economic dependence (see e.g., the proceedings closed in August 2021 against Poste Italiane, the investigation opened in 2020 and still ongoing against Benetton, and the investigation opened in 2021 and still ongoing against WindTre). As stated in the Authority’s latest yearly report (in my English translation):

The action of the Authority aimed at ensuring competition on the market does not rest solely on the traditional apparatus of antitrust enforcement, but can also rely on the use of an instrument that has been, in recent years, the subject of a rediscovery and valorization by the Authority. We hereby refer to the rules against the abuse of economic dependence, regulated under Article 9, Paragraph 3-bis of Law No. 192 of 18 June 1998 (Discipline of subcontracting in productive activities). The Authority’s intervention in such cases is intended not only to protect the weaker party in economic relations affected by contractual asymmetry, with the aim of fostering a fairer and more inclusive development, but above all to rebalance disparities deriving from excessive market power on the demand side that may, in the medium to long term, damage the supply side in terms of innovation and variety, with obvious repercussions on the level of competition”.

The proceedings against McDonald’s originated from the complaints of some former McDonald’s franchisees, who complained that the former allegedly abused their economic dependence by imposing a set of conditions and obligations likely to stiffen the business structure of the franchisees and prevent them from independently running their businesses.

In particular, according to the franchisees’ objections, the allegedly abusive conducts by McDonald’s would include, by way of example:

(i) the requirement that the potential franchisee undertake, at its own expense and prior to the conclusion of the contract, a period of training at McDonald’s restaurants;

(ii) the impossibility of reviewing the contract before entering into it with a 3-day deadline for the franchisee to accept the proposal;

(iii) the obligation to invest, throughout the business branch lease and/or franchise agreements, no less than 1.5 percent of turnover in local advertising;

(iv) the imposition of a non-compete obligation extended to any food service business for the duration of the contract and for one year after its termination;

(v) the obligation, during the contractual relationship, to rely only on suppliers specified by McDonald’s Development Italy for equipment, raw materials, and other products required for the catering business;

(vi) the impossibility of reselling restaurant furniture and equipment to other businesses at the end of the contractual relationship, with McDonald’s alone being allowed to buy them back at depreciated prices.

After the start of the investigation, McDonald’s submitted its undertakings, which were published by the Authority and underwent a market test.  After the conclusion of the market test, McDonald’s made further changes which resulted in a final version of the franchise contracts providing for:

  • training costs and related facilities to be borne by McDonald’s, when the courses are held at the Company’s premises;
  • a deadline of 15 days for reviewing and accepting the irrevocable contract sent by McDonald’s to the candidate, ensuring that the franchisee is adequately informed of policies, procedures and other elements of the McDonald’s system necessary for a proper understanding of the contract;
  • a reduction of the minimum percentage of the franchisee’s investment in local advertising to 0.5% of the turnover;
  • an amendment of the non-compete obligation, removing the prohibition of carrying out competing activities for the period after the franchise contract, and limiting the scope of application to informal catering activities;
  • an extension of the possibility for the franchisees to appoint suppliers of their choice for the purchase of services, products, equipment and materials, especially with reference to “non-core” and not identifying goods and services, as well as ancillary goods and services (expressly specified in the contract);
  • the introduction of an obligation for McDonald’s Development Italy, at the request of the franchisee, to (i) repurchase equipment and furnishings purchased within three years prior to the expiration of the contract at the original cost price, net of depreciation due to normal wear and tear quantified at 5% per year and to (ii) repurchase equipment and furnishings purchased before the three years prior to the natural expiration of the Contract at a price that is equal to the value of such assets resulting from the accounting records, increased by 20%.

The Authority found that the changes and commitments proposed by McDonald’s Development Italy were entirely suitable to remove the concerns of abuse of economic dependence pursuant to Article 9 of Law 198/1992, and consequently closed the proceedings without a finding of infringement. The Italian original of the decision of the AGCM can be found here.

È stato pubblicato dall’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (“UIBM”) il primo rapporto sull’attività svolta dall’ufficio nel 2021, primo anno dall’adozione delle “Linee di intervento strategiche sulla Proprietà Industriale per il triennio 2021-2023” (il report integrale è disponibile al seguente link: https://uibm.mise.gov.it/images/REPORT_UIBM_2021.pdf).

In estrema sintesi, e rinviando al rapporto per maggiori dettagli e le utili infografiche ad essi associate, si segnalano, in ambito brevettuale:

  • 11 mila depositi di domande di brevetto per invenzione nel 2021, che confermano il trend in rialzo già registrato nel 2020, benché con un grosso divario tra Nord Italia, che si attesta al 60% del totale di domande depositate, Centro (18%) e Sud Italia (11%). Il divario è meno marcato ma sempre significativo anche per quanto riguarda le 2 mila domande di brevetto per modello di utilità ricevute dall’ufficio nel 2021;
  • Fabbisogni umani, operazioni e trasporti e chimica-metallurgia sono i settori tecnici, individuati sulla base della classificazione internazionale dei brevetti IPC (International Patent Classification) per i quali nel 2021 sono state ricevute dall’ufficio il maggior numero di domande di brevetto per invenzione, per un totale del 68,8% delle domande totali;
  • 36 mila depositi di domande di convalida di brevetto europeo nel 2021 (di cui il 93% presentate da soggetti residenti all’estero), in ulteriore rallentamento rispetto alle oltre 44 mila domande pervenute nel 2019 e alle 41 mila ricevute dall’ufficio nel 2020;
  • il numero delle domande di privativa per nuove varietà vegetali depositate a livello italiano è sempre molto basso: soltanto 9 le domande depositate nel 2021 (dato comunque più alto rispetto agli anni precedenti), segno della costante preferenza dei costitutori italiani a procedere con depositi a livello europeo presso il CPVO (Community Plant Variety Office), dove l’Italia si colloca al sesto posto nella classifica dei “top applicant” con 104 domande di privativa varietale depositate (2020 – ultimo dato disponibile).

In ambito marchi:

  • oltre 70 mila domande di registrazione di marchio (48 mila domande di primo deposito e 22 mila domande di rinnovo della tutela), un sensibile incremento rispetto alle 60 mila del 2020. Meno marcato in questo caso anche il divario tra Nord Italia (43%), Centro (14,3%) e Sud (28,6%). Permane in questo ambito tuttavia una scarsa propensione alla digitalizzazione per le domande di primo deposito: soltanto il 64% è stato effettuato online (rispetto ad esempio al 96% delle domande di brevetto nazionale o al 99% delle domande di convalida di brevetto europeo);
  • 800 le domande di opposizione alla registrazione di un marchio presentate nel 2021, sostanzialmente confermando il dato dell’anno precedente e in generale la ridotta litigiosità rispetto alle oltre 2.500 domande presentate nel 2017. Sono invece 2.267 i procedimenti di opposizione che si sono conclusi nel 2021, nel 20% dei casi con l’accoglimento almeno parziale della domanda e nel 65% con un provvedimento di estinzione.

Per ragioni di sintesi, si rinvia direttamente al rapporto di cui al link in apertura per ulteriori dati su marchi e brevetti e per i numeri relativi a disegni e modelli, annotazioni e trascrizioni.

Si segnalano inoltre anche le successive sezioni del rapporto, che riportano le molteplici attività intraprese dall’UIBM nell’ambito della (i) valorizzazione degli asset intangibili delle imprese italiane (con il grande successo delle varie agevolazioni economiche previste, i cui fondi sono stati richiesti ed esauriti in brevissimo tempo); (ii) lotta alla contraffazione (con la messa a disposizione di vari servizi e attività di analisi e coordinamento anche sul piano internazionale); e (iii) digitalizzazione e semplificazione (con il potenziamento degli archivi digitali esistenti e la messa in funzione di nuove funzionalità e sistemi di ricerca).

La Sezione Specializzata in materia di Impresa del Tribunale di Milano ha di recente fornito rilevanti indicazioni in materia di concorrenza sleale per imitazione servile e parassitaria ex. art. 2598 c.c. con specifico riferimento alla imitazione fra prodotti concorrenti ed alle relative metodologie di vendita.

Fatti del procedimento

La società attrice, produttrice di pannelli decorativi per pareti, ricorreva in via cautelare avverso una società concorrente, richiedendo alla Sezione specializzata del Tribunale milanese di disporre la cessazione dei presunti atti di concorrenza sleale posti in essere dalla resistente ed il ritiro dal mercato dei prodotti contestati.

In questo contesto, il Tribunale non ha mancato di dettare, e di riconfermare in sede di successivo reclamo innanzi al medesimo Tribunale in composizione collegiale azionato dalla soccombente attrice, i principi cardine della giurisprudenza in tema di concorrenza sleale.

I principi in materia di imitazione servile e l’efficacia individualizzante delle caratteristiche esteriori

Con riferimento alla realizzazione di prodotti appartenenti alla medesima categoria di quelli già immessi sul mercato da un altro operatore del mercato, il Tribunale ha ribadito che, al fine di identificare una condotta come atto di concorrenza sleale per imitazione servile, l’imitazione del prodotto deve ricadere su quella forma del prodotto “che investe le caratteristiche esteriori dotate di efficacia individualizzante, in quanto idonee, per capacità distintiva, a ricollegare il prodotto ad una determinata impresa, sempreché la ripetizione dei connotati formali non si limiti a quei profili resi necessari dalle caratteristiche funzionali del prodotto” (così anche Cass. Sez. 1, Sentenza n. 8944 del 14/05/2020; Cass. Sez. 1, Sentenza n. 3478 del 12/02/2009). L’art. 2598 c.c., come noto, non esclude in senso assoluto la possibilità di imitazione, che invece rientra nei normali meccanismi della concorrenza, bensì stabilisce che commette un illecito chi, imitando, determina il pericolo di confusione con altri prodotti. Il prodotto oggetto dell’imitazione altrui dovrà dunque possedere uno o più elementi non funzionali tali da rendere lo stesso come esclusivo, specifico e inconfondibilmente ed immediatamente ricollegabile a un dato imprenditore.

Con riferimento al caso di specie, sulla base dei principi sopra menzionati, il Tribunale ha rilevato la totale assenza di atti di concorrenza sleale per imitazione servile, ritenendo che i pannelli decorativi di parte ricorrente non vantassero alcuna caratteristica esteriore “arbitraria o capricciosa”, ovvero dotata di efficacia individualizzante e non determinata dalle proprie caratteristiche funzionali. Elementi indubbiamente determinanti per giungere a tale conclusione sono stati, tra gli altri, la misura dei pannelli (100×50) del tutto priva di alcun profilo caratterizzante, ed anzi considerata standard per il settore di riferimento, e l’ampia diffusione nel mercato di pannelli simili, se non identici, a quelli oggetto di causa offerti da diversi operatori economici. Il Tribunale ha, inoltre, giudicato ininfluente ai fini della decisione il fatto che la ricorrente avesse o meno, per prima, commercializzato detti pannelli, dando così esclusivo rilievo all’attuale situazione di mercato.

Scelte di metodologia di vendita: il posizionamento, di prodotti concorrenti all’interno degli store

Quanto alla metodologia di vendita dei prodotti, il Tribunale milanese ha evidenziato che, al fine di determinare se sussista un atto concorrenzialmente scorretto, assumono rilievo esclusivamente quei “profili che non sono autonomamente determinati dal venditore al dettaglio”. Invero, il fatto che due prodotti siano posizionati dal dettagliante nel medesimo reparto o addirittura uno affianco all’altro altro non è che una scelta riconducibile esclusivamente allo stesso dettagliante – oltre che, a parere del Giudice e del Collegio, del tutto logica.

Concorrenza parassitaria: continua e sistematica imitazione delle iniziative imprenditoriali

Il Tribunale di Milano ha poi ribadito che, ai fini della concorrenza parassitaria, occorre “un continuo e sistematico operare sulle orme dell’imprenditore concorrente attraverso l’imitazione non tanto dei prodotti ma piuttosto di rilevanti iniziative imprenditoriali di quest’ultimo, mediante comportamenti idonei a danneggiare l’altrui azienda con ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale”.

In aggiunta, è necessario che l’atto asseritamente illecito si riferisca a mezzi necessariamente diversi e distinti da quelli che concernono i casi tipici di concorrenza sleale ex art. 2598 c. 1 e 2 c.c.

Dovranno, poi, essere indicate tutte le attività che risultano “sistematicamente e durevolmente plagiate, con l’adozione e lo sfruttamento, più o meno integrale ed immediato, di ogni sua iniziativa, studio o ricerca, contrari alle regole della correttezza professionale (da ultimo Cass. Sez. 1 – Ordinanza n. 25607 del 12/10/2018)”; non potendo, sul punto, considerarsi sufficiente a integrare la fattispecie illecita in esame un “generico e fugace riferimento ad altri prodotti”.

Sul periculum in mora

Da ultimo, in tema di periculum in mora, il Tribunale ha ribadito l’orientamento granitico secondo il quale, in via cautelare, “la tutela mediante provvedimento inibitorio deve comunque ricollegarsi ad un pregiudizio economico particolarmente qualificato, caratterizzato, sulla base delle circostanze del caso concreto, da rilevante entità e suscettibile di sviluppi imprevedibili ed incontrollabili, ovvero da una difficile prova della sua entità nel successivo giudizio di merito”, richiamando sul punto la precedente decisione dello stesso Tribunale del 5 gennaio 2012.

Con decisione dell’8 aprile 2022, l’EUIPO ha rigettato la domanda di un marchio 3D costituito dalla figura di un cavallofornendo precise indicazioni sugli argomenti e le prove a sostegno del carattere distintivo di un marchio tridimensionale nel settore delle giostre, dell’intrattenimento e dei giochi.

Secondo l’EUIPO, la domanda di marchio in oggetto non può essere registrata ai sensi dell’articolo 7, paragrafo 1, lettera b) e paragrafo 3, RMUE, per

a. carenza di carattere distintivo ab origine in quanto:

  • la forma del cavallo in questione non si discosta significativamente dalla forma che il consumatore si aspetta di trovare sul mercato di riferimento (i.e. giostre);
  • il richiedente non ha fornito alcuna informazione concreta e comprovata che dimostri in che modo il marchio oggetto della domanda di registrazione differisca dalla norma e in che cosa risieda il carattere distintivo dello stesso nel settore di mercato interessato.

b. carenza di carattere distintivo acquisito tramite l’uso in quanto gli elementi di prova depositati dal richiedente:

  • non si riferiscono all’insieme dell’Unione Europea, ma solo all’Italia;
  • non si riferiscono al solo marchio tridimensionale oggetto della domanda, ma sono soprattutto relativi al marchio denominativo di cui alla denominazione sociale del richiedente;
  • non forniscono dati relativi alla dimensione del mercato, alla quota di mercato detenuta dal richiedente e i dati relativi alla quota detenuta dai principali concorrenti;
  • non contengono informazioni riguardanti l’intensità e l’entità degli investimenti effettuati dal richiedente per la promozione del marchio sul mercato, non essendo state depositata alcuna dichiarazione delle camere di commercio e industria o di altre associazioni professionali;
  • sono costituiti da dichiarazioni rilasciate persone legate al richiedente da un rapporto di lavoro che devono essere trattate come puramente indicative e devono essere corroborate da altre prove.

La rivoluzione dell’IoT (“Internet of Things”) investirà nei prossimi anni gran parte delle aziende in svariati settori dell’economia, tra cui energia e servizi pubblici, industria e agricoltura, ambito sanitario e sperimentazioni cliniche, retail e automotive. Una rivoluzione “attesa e annunciata”, complice l’implementazione su larga scala del 5G, che secondo le stime dell’associazione di operatori mobili GSMA raggiungerà 1,8 miliardi di connessioni globali entro il 2025, contribuendo secondo una analisi di Accenture per mille miliardi di euro al PIL europeo.

Gli operatori di mercato entro pochi anni dovranno quindi inevitabilmente adeguare i propri prodotti a standard di telecomunicazione wireless. Un ruolo centrale avranno i c.d. brevetti essenziali (“Standard Essential Patent” – SEP), ovvero brevetti che proteggono tecnologie che devono essere necessariamente implementate per conformarsi a uno standard tecnico e consentire così la commercializzazione del prodotto. Si pensi, ad esempio, agli standard di telecomunicazione (che regolano il “linguaggio” di due terminali che devono dialogare tra loro) ed in particolare alle reti cellulari, come 3G, 4G e 5G, alle reti fisse ADSL, al Wi-Fi o al Bluetooth.

I brevetti essenziali sono dichiarati tali dai loro titolari senza alcun controllo esterno preventivo e i titolari stessi si rendono disponibili a concederli in licenza a coloro che intendono utilizzare lo standard in questione a condizioni cd. “FRAND” (“Fair, Reasonable And Non-Discriminatory”, cioè eque, ragionevoli e non discriminatorie).

Tutte le aziende che vorranno implementare standard di telecomunicazione dovranno quindi concludere una licenza con i titolari dei brevetti essenziali rilevanti. In tale contesto, saranno avvantaggiate le aziende del settore delle telecomunicazioni che potranno agire sulla base della consolidata esperienza in materia di altri standard quali 2G, 3G e 4G, a fronte invece di aziende non avvezze a queste dinamiche che patiranno la mancanza di esperienza circa la negoziazione delle licenze sui brevetti essenziali, le logiche che li governano e più in generale il panorama brevettuale nel settore di riferimento.

È dunque consigliabile per tutte le aziende non abituate ad affrontare questi temi adottare un approccio proattivo per affrontare efficacemente il cambiamento di paradigma in atto. In questo processo di apprendimento e adeguamento ai nuovi standard richiesti, è bene che le aziende tengano presente che il numero di brevetti dichiarati essenziali è elevatissimo ed in costante aumento: uno studio condotto da IPlytics calcola che per il solo standard 5G siano già stati dichiarati essenziali più di 95.000 brevetti e che gli stessi siano nelle mani di molti titolari, con alcune grandi società (Huawei, Samsung, ZTE, LG, Nokia, Eriksson e Qualcomm), a far la parte del leone. Effetto collaterale della costante crescita del numero dei brevetti dichiarati essenziali è l’aumentato rischio di controversie legali, promosse da parte dei titolari dei diritti nei confronti di implementatori non in possesso di una licenza, o viceversa dagli implementatori per verificare se tali brevetti siano effettivamente essenziali o meno (operazione tanto più complessa mancando un database ufficiale di brevetti essenziali) o se le condizioni di licenza offerte siano effettivamente FRAND. Questo contesto renderà più difficile calcolare i rischi finanziari, commerciali e legali e, di riflesso, anche la necessità di trasferire tali oneri sugli utenti finali mediante l’aumento dei prezzi dei prodotti.

I licenziatari. Sarà inoltre fondamentale per le aziende analizzare la condotta degli altri licenziatari di brevetti essenziali, tenendo presente che, per massimizzare il profitto, i titolari tendono a concedere licenze al produttore del prodotto finale (ad es. l’autovettura), più che al produttore di singole componenti (es. il chip di comunicazione); che gli stessi titolari potrebbero cercare di massimizzare la redditività del proprio portafoglio di brevetti essenziali offrendo in licenza i primi unitamente ai c.d. brevetti non essenziali o di “implementazione”, ai quali l’implementatore potrebbe non essere interessato; che l’assenza di un database pubblico delle licenze concesse riduce la trasparenza nel processo di negoziazione; che in caso di utilizzo delle tecnologie coperte da brevetto senza licenza, i titolari che abbiano offerto una licenza FRAND potranno adire l’autorità giudiziaria chiedendo l’emissione di provvedimenti sia risarcitori che inibitori.

L’approccio proattivo. L’investimento di risorse nella valutazione del rischio IP mediante la conoscenza dei brevetti essenziali e non essenziali, il calcolo di potenziali royalties e degli altri costi di licenza nei propri business plan, lo sviluppo di un proprio portafoglio di diritti IP sono solo alcune delle iniziative utili alle imprese, anche italiane, attive in settori interessati da tali dinamiche al fine di assumere un comportamento proattivo per prepararsi a richieste di licenza avanzate dai titolari dei brevetti, che metterebbero le imprese in difficoltà laddove i business plan non contemplassero i relativi costi e rischi.

Following yesterday’s deposit by Austria of its instrument of ratification of the Protocol on Provisional Application of the Agreement on the Unified Patent Court, the General Secretariat of the Council of the European Union has just declared that the Protocol has now entered into force. Similar statements were issued by the European Patent Office and the Preparatory Committee of the Unified Patent Court.

The Preparatory Committee also declared that this event signals the birth of the Unified Patent Court as an international organisation and that the last part of the preparatory work in establishing the Court, and in particular the recruitment of Judges, will now be finalized. It forecasts a timeline of no less than eight  months for the process to be completed and the UPC to start its operations. Germany will act as gatekeeper, depositing the instrument of ratification of the UPCA and hence allowing the Court to start operating as soon as the preparatory work is about to be completed (the UPCA will enter into force on the first day of the fourth month after the deposit of the German instrument of ratification).

The Preparatory Committee also announced that the inaugural meetings of the governing bodies of the Court, namely the Administrative Committee, the Advisory Committee and the Budget Committee, will soon take place. It is unclear whether these meetings will be preceded by the signing ceremony of the draft Declaration on the authentic interpretation of Article 3 of the Protocol, which had been anticipated by the Preparatory Committee to address the uncertainties following the United Kingdom’s withdrawal from the Unitary Patent System (for additional details, see here) and support the view that Article 3 of the Protocol is to be interpreted as mirroring Article 89 of the UPCA.

As additional confirmation of the commitment of the institutional stakeholders in having the system to start operating soon, the EPO yesterday also announced that it will introduce transitional measures with respect to European patent applications having reached the final phase of the grant procedure. These measures will be made available ahead of the entry into force of the Unitary Patent system. Further details will likely be released soon.

The Federal Government of Germany has just announced that it has deposited the instrument of ratification for the Protocol on the Provisional Application of the Agreement on a Unified Patent Court. This is a decisive step towards the start of UPC operations in the near future, after years of uncertainties.

As explained by the Preparatory Committee, for the Protocol to take effect its ratification by two more states is needed, which is expected to occur in the coming weeks (the point is confirmed in the press release issued by the Federal Government of Germany). This will pave the way for the final phase for the set-up of the Unified Patent Court: the UPC will be established in its full legal capacity and organizational capability and a number of further preparatory steps will be undertaken (including assembling the governing bodies of the Court, adopting all the secondary legislation prepared by the Preparatory Committee, finalizing the budget an IT systems, and resuming the recruitment and training of judges). As soon as the preparatory work will be sufficiently advanced to ensure that the UPC can start in an orderly manner, the last outstanding instrument of ratification of the UPCA itself will be deposited by Germany. The German Federal Government expects the UPC to become fully operational from mid-2022.

The remarks by the Federal Minister of Justice Christine Lambrecht leave no doubt on the dedication of the German government to proceed with the steps needed for the UPC to start operating as soon as possible. Also, they seem to confirm the inter-governmental intention to proceed swiftly, avoiding new agreements (and, possibly, ratifications) addressing the relocation of the competences of the London seat of the Central Division. Commenting the ratification of the Protocol, Federal Minister of Justice Christine Lambrecht stated: “With this step we have come a decisive step closer to the European patent reform, which is so important for innovative companies in Europe. The Unified Patent Court will come”.

With an order issued on 16 June 2021 (available here), the Court of Turin applied the proportionality principle in calibrating the scope of a preliminary injunction, with a carve out that excluded the application of the injunction to three ongoing supplies to health facilities.

The case concerned a number of patents owned by the plaintiff covering an aortic valve and its positioning system, two of which were held valid and infringed by the products of the defendant companies. In light of such findings, the Court issued an injunction, carving out from its scope three supplies to health facilities, two of which had already been performed and one of which had been awarded and was in the process of being performed. In order to do so, the Court applied Article 124(6) IP Code, which provides i.a. for the proportionality principle to be applied to remedies in patent cases and was invoked by the defendant companies.

Article 124(6) IP Code can be translated as follows:

Removal or destruction, as well as prohibition of use, of items that constitute infringement of IP rights shall not be ordered when they belong to a person who makes only a personal or domestic use of them. In applying the corrective measures, the judicial authority must take account of the necessary proportion between the seriousness of the infringement and the corrective measures ordered, as well as of the interests of third parties

This is the first time in Italy where a Court applies the proportionality principle to limit an injunction issued in the context of a patent infringement suit and does so by relying on Article 124(6) IP Code, whose application to injunctive relief had so far been questioned. The sole Italian precedent recalled by the Court of Turin (Court of Milan, 29 October 2019, Heraeus v. Biomet – available on darts-ip and commented here) concerned an injunction issued in a case of misappropriation of trade secrets, whereby the Court of Milan similarly applied the proportionality principle but relying on Article 124(6-bis) IP Code, which implements the Trade Secrets Directive (2016/943) and only applies to trade secrets, thereby granting a one-year “grace period” for its final injunction to take effect in relation to supplies to health facilities.

In any event, the arguments in favor of the application of the proportionality principle put forward by the Court of Turin closely mirror the ones previously brought by the Court of Milan. Indeed, as some readers may recall (see again our post commenting the decision here), the Milan judges limited in time the effects of the injunction issued in order to “safeguard the continuity of ongoing supplies to public administrations and hospital facilities”. A similar reasoning was adopted by the Court of Turin, taking account of the public interest to the proper functioning of the healthcare structures involved in the supply of the infringing products.

From a comparative perspective, the Court of Turin also explicitly referred to the principles expressed by the England and Wales High Court, which in a similar case had established the necessity to “ensure a balance between the [private] interest in maintaining the exclusivity conferred by the patent […] and the public interest in ensuring that patients with aortic stenosis receive appropriate treatment” (cf. Edwards Lifesciences v Boston Scientific [2018] EWHC 1256).

No mention was made instead to the later decision, by Justice Birss in Evalve v Edwards Lifesciences [2020] EWHC 514, whereby the English Court excluded application of the proportionality principle invoked by the alleged infringers to deny in the abstract the imposition of the injunction. It is worth noting, however, that in such case the Court granted the injunction in the face of an inter partes agreement which ensured a carve out for certain limited uses in which the patent holder’s aortic valve had proved unsuitable.