ris-roma-2.jpgCon ordinanza del 20 ottobre 2011 il Tribunale di Roma ha deciso l’ennesimo caso promosso da RTI a tutela dei diritti di utilizzazione e sfruttamento economico  sui propri programmi televisivi nei confronti di internet service providers. In particolare, RTI ha depositato ricorso cautelare con cui chiedeva di ordinare alla VBBCOM Limited di rimuovere dal portale internet (www.videobb.com) dalla stessa gestito numerosi contenuti audiovisivi che riproducevano programmi RTI (in particolare “Squadra Antimafia 3 Palermo oggi” e “RIS Roma 2”). Il giudizio cautelare è stato instaurato anche nei confronti della società Choopa LLC, gestore del server su cui è ospitato il portale Videobb . Il Tribunale di Roma ha accolto la domanda nei confronti del gestore del portale VBB, motivando che lo stesso – riservandosi ogni diritto di sfruttamento commerciale dei contenuti caricati dai singoli utenti e intervenendo con operazioni tecniche di organizzazione e selezione di detti contenuti finalizzate ad una migliore fruizione da parte degli utenti, non possa qualificarsi come semplice hosting provider e quindi non possa beneficiare dell’esenzione di responsabilità prevista dagli artt. 12 – 14 della direttiva 2000/31 e 14 – 16 del d. lgs. 70/03, né dell’esenzione dall’obbligo generale di sorveglianza di cui all’art. 15 della direttiva 2000/31 e 17 del d. lgs. 70/03. La domanda non è stata tuttavia accolta nei confronti di Choopa, il gestore del server. Il giudice – adottando la precedente impostazione già adottata dal Tribunale di Roma secondo cui, nonostante l’esenzione prevista dall’art. 16 del d. lgs. 70/2003, l’hosting provider deve comunque ritenersi responsabile  qualora esso “non abbia prontamente ottemperato all’ordine dell’autorità giudiziaria od amministrativa di impedire l’accesso alle informazioni illecite oppure nell’ipotesi in cui esso, consapevole del carattere illecito o pregiudizievole per un terzo del contenuto di un servizio di cui assicura l’accesso alla rete, non abbia provveduto ad informarne l’autorità competente” – ha tuttavia rilevato che RTI non ha provveduto ad informare Choopa con una diffida dettagliata e che pertanto, non essendo stata messa al corrente, Choopa non può essere ritenuta responsabile. Ha altresì rilevato che, a seguito della presentazione del ricorso e dell’indicazione da parte di RTI degli effettivi indirizzi URL che riconducevano ai contenuti ritenuti illeciti, Choopa ha provveduto alla loro rimozione, concludendo per “l’inesistenza nel caso di specie di una condotta effettivamente rilevante sotto il profilo della responsabilità civile”. Ne consegue il rigetto della domanda di inibitoria nei confronti di Choopa. E’ interessante notare che il giudice, nel motivare il rigetto, ha altresì precisato che “né, d’altra parte, appare concedibile nei confronti di un soggetto ritenuto non responsabile un provvedimento inibitorio destinato a prevenire possibili condotte illecite altrui non ancora realizzate, non essendo esigibile nei confronti di Choopa, in quanto hosting provider passivo, l’esercizio di un controllo preventivo in riferimento a tutti e a ciascuno dei contenuti che fossero ospitati sui siti dei propri server”. Sembra dunque risolto il profilo di criticità che avevamo già sollevato nei confronti di precedenti già decisi dai tribunali italiani, circa il fatto che i provvedimenti di inibitoria di volta in volta adottati – nella parte in cui inibivano la prosecuzione e ripetizione dell’illecito – avrebbero imposto all’hosting provider di verificare il proprio server rispetto alla presenza di contenuti illeciti che potessero esservi caricati in futuro da utenti del servizio, in contrasto con l’esenzione da responsabilità e da obbligo di sorveglianza previsti dalla legge. Siamo quindi finalmente arrivati al nocciolo della questione, e cioè quale sia la corretta definizione di service provider ai fini dell’esenzione di responsabilità prevista dalla legge.  Secondo la più recente giurisprudenza sembrerebbe bastare una qualche attività orgnaizzativa dei contenuti foprniti da terzi per essere eslcusi dall’esenzione.

moncler.jpgE’ di pochissimi giorni fa il provvedimento del Tribunale del Riesame di Padova che ha annullato il decreto con cui il GIP aveva disposto la misura del sequestro preventivo di 493 siti internet aventi nel proprio nome a dominio la parola “Moncler”, sulla base della supposta commissione dei reati di cui agli artt. 474, 517 e 648 del codice penale. Il 29 settembre 2011, Il GIP, sulla base di una denuncia contro ignoti presentata da Moncler, aveva ordinato il sequestro dei siti “con oscuramento degli stessi al fine di inibire l’accesso e la consultazione da parte di utenti che accedono alla rete tramite provider nazionali”. Il provvedimento era poi stato notificato ai fini dell’esecuzione a 27 service providers italiani i quali, pertanto, avrebbero dovuto impedire la “fruizione” dei siti in questione da parte dei loro utenti in territorio italiano. In sostanza, sembrerebbe che Moncler abbia scelto di percorrere la strada della denuncia penale visto l’enorme numero di siti non autorizzati, attivi nella vendita di capi d’abbigliamento, in cui si perpetravano in vario modo contraffazioni del proprio marchio, tutti siti collegati a nomi a dominio che contenenti la parola Moncler. Dopo aver già speso tempo e denaro in varie procedure di riassegnazione in sede WIPO (pare più di 200, tra già decise e ancora pendenti), Moncler ha scelto, forse come scorciatoia, la strada penale ed in prima battuta è andata benissimo, ottenendo appunto il sequestro dei siti. I service providers hanno però presentato ricorso per riesame in qualità di “terzi interessati” ed hanno avuto, almeno fino ad ora, ragione. La decisione del Tribunale del Riesame non mi sembra chiarisca tutti i motivi alla base dei ricorsi dei service providers. Sembrerebbe che questi abbiano sollevato anche questioni di carattere tecnico (legate forse alle modalità dell’oscuramento disposto dal GIP), ma non è in ogni caso in relazione a questioni tecniche che il riesame è stato accolto. Il Tribunale ha infatti stabilito che il provvedimento non fosse giustificato poiché non vi era prova sufficiente del fatto che (tutti) i siti collegati ai nomi a dominio contenenti la parola Moncler svolgessero attività di vendita di capi di abbigliamento contraffatti, essendovi la possibilità che si trattasse quindi anche di siti che vendevano prodotti Moncler originali. Di per sé sola, ha ritenuto il Tribunale, l’attivazione di un sito con nome a dominio contenente la parola Moncler non è una contraffazione di marchio. Questa motivazione non è ovviamente convincente: un nome a dominio non autorizzato da Moncler, che contenga la parola Moncler, utilizzato per vendere capi di abbigliamento, può certamente essere una contraffazione di marchio indipendentemente da se l’attività di vendita riguardi capi originali o contraffatti. Il punto potrebbe semmai essere un altro, ovverosia se i siti in questione possano effettivamente tutti essere ritenuti determinare la commissione, perseguibile in Italia, dei reati contestati. Non è chiaro, ad esempio, se le indagini avessero anche già chiarito che l’attività di vendita svolta da tutti i siti in questione – relativa a prodotti contraffatti o meno – fosse rivolta al pubblico italiano, quando nell’elenco complessivo dei siti oscurati vi erano anche siti non italiani. Qualcuno dice poi che alcuni dei siti colpiti nemmeno svolgessero attività di commercializzazione, ma fossero solo siti di fans della Moncler, per i quali la contestazione dei reati di cui sopra non sarebbe ovviamente sostenibile: non ho controllato tutti i siti, ma mi sembra che almeno per la stragrande maggioranza si tratti di siti in cui, effettivamente, si effettua attività di commercializzazione. Questione molto interessante … Mi pare in ogni caso di poter dire che questa vicenda dimostra, ancora una volta, che la strada del procedimento penale per la tutela di diritti di proprietà intellettuale può dare ottimi risultati all’inizio che però non sono sempre facili da conservare. Anche se, nella pratica, scommetterei che almeno alcuni di questi siti sono già spariti ….

gemelli.jpgLa sentenza del Tribunale di Milano nel caso RTI contro Yahoo di cui ho parlato nel mio post di pochi giorni fa, che ho nel frattempo letto per intero, è praticamente identica a quella con cui lo stesso tribunale (e quasi lo stesso collegio) ha inibito Italia Online (Libero) qualche mese fa, sempre nei confronti di RTI. Anche in questo più recente caso, infatti, il Tribunale conclude che Yahoo non è un prestatore di servizi passivo, bensì un soggetto che, in quanto svolge un servizio quantomeno di hosting  attivo, non può beneficiare dell’esclusione di responsabilità stabilita dagli artt. 16 e 17 d.lgs. 70/2003. Interessante però, in questa più recente sentenza, il passaggio dedicato a quello che Yahoo avrebbe dovuto fare, una volta ricevuta la diffida, da Yahpp ritenuta troppo generica per poter consentire l’intervento di rimozione dei contenuti. Secondo il Tribunale, benché vi sia una “impossibilità anche per il prestatore di servizi che fornisca un hosting attivo di poter procedere ad una verifica preventiva del materiale immesso quotidianamente dagli utenti, non potendosi ritenere tale verifica quale comportamento effettivamente esigibile per la complessità tecnica che un controllo del genere richiederebbe”, vero è anche che “la diffida in questione indicava i singoli programmi televisivi dai quali erano tratti i video contestati (in particolare trasmissioni Amici, il Grande Fratello, Le Iene, Striscia la notizia, Zelig), trasmissioni peraltro di notevole successo e rispetto alle quali un superficiale e rapidissimo controllo avrebbe dimostrato  quantomeno la fondata titolarità dei diritti di RTI (…) la mancata specifica individuazione dei filmati contestati non risultava elemento atto ad impedire alla convenuta ogni (dovuta) attività di verifica e controllo, tenuto conto che essa avrebbe potuto agevolmente essere svolta proprio utilizzando gli stessi strumenti informatici posti a disposizione dei visitatori di ‘Yahoo! Video’ per la ricerca di contenuti tramite parole-chiave riproducenti i titoli delle menzionate trasmissioni”. In altre parole, secondo il Tribunale, benché un controllo preventivo non sia esigibile, una volta ricevuta una diffida individuante titoli di programmi televisivi di proprietà di RTI, Yahoo avrebbe dovuto ricercare all’interno dei propri server tutti i video ad essi relativi ed eliminarli. Ma non so se questo davvero non rappresenti, alla fine, l’imposizione di un obbligo di ricerca e controllo preventivi. Nel mondo di Internet tutto cambia velocemente: gli utenti oggi caricano un contenuto e domani lo eliminano e ne caricano un altro. In quest’ottica mi risulta difficile riuscire a collegare una diffida (ed a maggior ragione un provvedimento di inibitoria), che non faccia riferimento ad uno specifico video ed ad uno specifico URL, ad un determinato momento temporale del passato. Il controllo, in quest’ottica,  sembrerebbe diventare pertanto necessariamente un controllo preventivo, prestandosi a tutte le critiche di cui già si è detto commentando le precedenti decisioni.

duomo di milano.jpgContinua la saga delle cause per violazione di diritto d’autore contro Internet Service Providers (ISP), o comunque soggetti che si definiscono tali, rispetto alla pubblicazione di contenuti audio-video. E’ uscita ieri sulla stampa (vedi ad esempio qui) la notizia di un’altra recentissima vittoria del gruppo Mediaset – RTI  nei confronti di Yahoo, davanti al Tribunale di Milano. Non ho ancora visto il testo del provvedimento e quindi non posso fare commenti approfonditi. Solo mi sembra di poter dire che, anche alla luce del recente provvedimento del Tribunale di Roma nel caso About Elly (vedi post qui), il Tribunale di Milano sia davvero la venue più adatta per i titolari dei diritti e, al tempo stesso, quella più pericolosa per gli ISP. Spero di poter commentare presto le motivazioni della decisione.

about elly.jpgE’ dell’11 luglio scorso la decisione con cui il Collegio della Sezione specializzata in materia di proprietà industriale ed intellettuale del Tribunale di Roma ha riformato la decisione del G.D. che in prime cure aveva concesso la richiesta di inibitoria nei confronti di Yahoo in riferimento alla pubblicazione illecita del film o di brani del film About Elly. Si veda il precedente post qui. In sostanza, il Collegio ha ritenuto che la ricorrente PFA Films non avesse fornito la prova della violazione, ovverosia avesse omesso di indicare (e documentare) quali fossero esattamente gli URL collegati al contenuto pretesamente illecito, notando che tale “genericità” della contestazione fosse stata sollevata da Yahoo in propria difesa non solo nel corso del giudizio, ma anche in risposta alla diffida stragiudiziale inviata da PFA Films prima di adire il Tribunale di Roma. Sembrerebbe dunque che il Collegio abbia risolto una delle maggiori criticità dei noti precedenti romani (fra tutti il caso RTI contro Google, su cui sempre qui), confermando cioè che, in ottemperanza al principio per cui l’Internet Service Provider non soggiace ad un obbligo di sorveglianza circa i contenuti immessi dagli utenti, la contestazione generica non può avere l’effetto di determinare l’obbligo del “take down”. Ed è abbastanza immediata l’ulteriore conclusione che, se la contestazione deve essere specifica e cioè fare riferimento a specifici URL sui quali l’ISP possa intervenire, non sarà giustificabile un’inibitoria pro-futuro, come quella data ad esempio nei confronti di Google nel caso contro RTI. Qualcuno potrebbe sentire in ciò un richiamo a quanto detto dalla Corte di Giustizia nel recente caso EBay (vedi post qui) se non fosse che la decisione del collegio romano è precedente a quella della Corte UE. In ogni caso, come ho già notato, tutto si supera, a detta almeno del Tribunale di Milano, affermando che il soggetto in questione (in quel caso si trattava di IOL e del portale www.libero.it – vedi post qui), non è in realtà un Internet Service Provider, ma un Content Provider e che, pertanto, l’esenzione di responsabilità prevista dalla legge non si applica, né ha più senso parlare dell’esistenza o meno di un obbligo di sorveglianza poiché il Content Provider ha la responsabilità diretta dell’inserimento dei contenuti online. Forse dopo questa ultima decisione romana i titolari dei diritti inizieranno a spostare i contenziosi da Roma a Milano. Di sicuro non è finita qui.

 

 

 

logo_l_oreal 1.jpg

Con sentenza pubblicata il 12 luglio 2011 la Corte UE si è pronunciata nella causa C-324/09 L’Orèal vs E-bay. La sentenza presenta diversi profili di interesse che potranno essere affrontati anche in post successivi. Per il momento segnalo che, tra le numerose questioni pregiudiziali risolte dalla Corte UE, ve n’è una in punto di responsabilità degli Internet Service Providers che punta il dito proprio su uno dei profili di criticità già segnalati nel commentare i recenti provvedimenti del Tribunale di Roma nei casi You Tube e Yahoo (qui).  Si era infatti segnalato come tali provvedimenti , nella misura in cui non si limitavano a ordinare la rimozione dei contenuti illeciti ma inibivano altresì i provider dal proseguire l’illecito, potessero implicare per gli stessi provider un obbligo futuro di sorveglianza sulla presenza di eventuali contenuti illeciti – il che sembrava in contrasto con gli artt. 14 e 15 della Direttiva 2000/31 sul commercio elettronico. ebay logo.bmp

In breve, il rinvio pregiudiziale alla Corte Ue trae origine dal giudizio instaurato da L’Orèal nei confronti della casa d’aste on-line e-Bay per avere quest’ultima ospitato sul suo sito una serie di aste di vendita in violazione dei marchi di L’Oréal . Così facendo, eBay sarebbe stata responsabile anche di un’autonoma fattispecie di contraffazione per effetto della possibilità di visualizzare i marchi L’Oréal sul proprio sito internet. Dette circostanze erano state segnalate dalla casa francese con una notice inviata a e-Bay in data 22 maggio 2007, a seguito della quale L’Oréal aveva adito la High Court of Justice chiedendo, tra l’altro, l’emissione di provvedimenti idonei a rimuovere gli effetti della violazione e a impedire ulteriori violazioni dei propri diritti di marchio. Nel proporre la seguente questione pregiudiziale – “se nel caso in cui i servizi di un intermediario quale il gestore di un sito internet siano stati utilizzati da terzi per violare un marchio registrato, se l’art. 11 [della Direttiva 2004/48 c.d. direttiva enforcement] imponga agli Stati membri di garantire che il titolare del marchio possa ottenere un’ingiunzione nei confronti dell’intermediario al fine di impedire ulteriori violazioni di detto marchio e non solo la prosecuzione di detto specifico atto di contraffazione, e in tal caso quale sia la portata dell’ingiunzione che può essere chiesta” – la corte inglese solleva dunque innanzi alla Corte Ue il problema di una condanna “per il futuro” dell’internet service provider, e di ciò che comproterebbe in termini di obblgihi di vigilanza. Nel rispondere alla questione pregiudiziale, la Corte UE ha concluso: “L’art. 11, terza frase, della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 29 aprile 2004 2004/48/CE sul rispetto dei diritti di proprietà intellettuale, deve essere interpretato nel senso che esso impone agli Stati membri di far sì che gli organi giurisdizionali nazionali competenti in materia di tutela dei diritti di proprietà intellettuale possano ingiungere al gestore di un mercato online di adottare provvedimenti che contribuiscano non solo a far cessare le violazioni di tali diritti ad opera degli utenti di detto mercato, ma anche a prevenire nuove violazioni della stessa natura. Tali ingiunzioni devono essere effettuve, proporzionate, dissuasive e non devono creare ostacoli al commercio legittimo”. A prima vista sembrerebbe quindi che l’approccio del Tribunale di Roma sia confermato. Ma la chiave sta nell’ultima frase della conclusione della Corte, che non deve quindi essere letta, ritengo, in modo troppo affrettato. Nella motivazione la Corte infatti segnala che l’art. 11 della Direttiva enforcement deve essere intepretato in via sistematica, facendo riferimento alle altre norme di diritto comunitario. Pertanto (i) i provvedimenti di enforcement non possono introdurre un obbligo di sorveglianza attiva di tutti i contenuti caricati dagli utenti in capo ai provider, da cui gli stessi sono espressamente esentati ai sensi dell’art. 15 della Direttiva (ii) i provvedimenti di enforcement devono predisporre una tutela equa, proporzionata all’offesa e non eccessivamente costosa – ai sensi dell’art. 3 della Direttiva enforcement (iii) il provvedimento ingiuntivo non può creare ostacoli al commercio legittimo e, nel caso di specie, una misura che obbligasse e-Bay a monitorare e impedire vendite “in contraffazione” in via preventiva potrebbe portare all’ effetto concreto di un divieto generale di messa in vendita (anche di prodotti non contraffattòri). Pertanto, dalle motivazioni della Corte pare di comprendere che, pur essendo pacifico che gli intermediari possono essere destinatari di provvedimenti ingiuntivi, il contenuto della tutela giurisdizionale accordata al titolare dei diritti di IP non possa consistere in una ingiunzione che, inibendo la prosecuzione dell’illecito, comporti l’obbligo per il provider di vigilare su e impedire violazioni future. Sembrerebbe dunque confermata la criticità dei provvedimenti già adottati dal Tribunale di Roma nei casi You Tube e Yahoo. La Corte ha però precisato che il contenuto di un provvedimento ingiuntivo destinato a un internet service provider a seguito di un episodio di violazione – e tipicamente al gestore di un mercato online quale è e-Bay – potrebbe comportare “l’obbligo di adottare misure che consentano di agevolare l’identificazione dei suoi clienti venditori”, al fine di prevenire nuove violazioni della stessa natura di quelle già contestate. Ci sarà ancora molto da commentare sul punto (e su questa sentenza in particolare).

 

google_logo1.jpg

Il Tribunale di Milano si è recentemente pronunciato in un altro caso in materia di responsabilità dell’Internet Service Provider nei confronti di Google (vedi anche i precedenti post qui e qui) . Si tratta di un’ordinanza collegiale del 24 marzo scorso che ha deciso in sede di reclamo un procedimento cautelare instaurato da un imprenditore del settore finanziario che lamentava il fatto che, nell’effettuare una ricerca digitando il nome della propria impresa, il sistema “Google Suggest” associava al nome stesso, le parole “truffa” o “truffatore”. Chiedeva pertanto riconoscersi la responsabilità di Google e l’emissione nei confronti di questa di un ordine di rimozione dell’associazione ritenuta lesiva. “Google Suggest” è quel sistema che, all’inserimento di uno o più termini nella barra di ricerca, determina l’apertura di una “tendina” sottostante alla barra contenente una lista di possibili completamenti della ricerca (cioè altre parole o parti di parola), suggerendo all’utente  lo svolgimento di una ricerca più mirata, migliorandone la precisione e le chance di successo. Google ha invano sostenuto l’assenza di responsabilità sottolineando il fatto che la funzionalità del servizio “Suggest” è data da un software che opera secondo un algoritmo matematico procedente su basi puramente statistiche ed automatiche, aventi come riferimento le ricerche maggiormente effettuate dagli utenti. In altre parole, “Google Suggest” propone all’utente di restringere la ricerca a contenuti già cercati da altri con simili termini di ricerca. Non vi è quindi alcun preventivo intervento di Google sui suggerimenti forniti, né vi è in realtà un vero contenuto illecito, tanto che Google ha in specifico sollevato che l’attività in questione non rientrerebbe in alcuna delle ipotesi di cui all’art. 16 del D. Lgs. n. 70/2003, con la conseguenza che Google non sarebbe stata obbligata ad eliminare il preteso contenuto illecito su segnalazione del ricorrente (rimozione che, infatti, non era avvenuta, nonostante la diffida). Il Tribunale ha invece ritenuto che i motori di ricerca sono vere e proprie raccolte di dati, informazioni, opere, consultabili attraverso parole chiave che, come tali, sono definibili come “hosting provider”, cioè soggetti che ospitano contenuti gestiti e forniti da altri sui propri server. Anche i motori di ricerca vanno pertanto riferiti agli artt. 12 – 15 della direttiva 2000/31/CE, cosicché, nel caso specifico, Google non è responsabile solo a condizione che non sia a conoscenza che l’attività sia illecita o non sia al corrente di fatti o circostanze in base ai quali l’illiceità è apparente o, non appena al corrente di tali fatti, non agisca immediatamente per ritirare le informazioni o per rendere impossibile l’accesso (art. 14). A Google è pertanto stato ordinato di rimuovere dal software “Suggest” l’associazione tra il nome del ricorrente e le parole “truffa” e “truffatore”. Anche il Tribunale di Roma ha già detto che i motori di ricerca sarebbero “hosting provider”, ma definire la lista fornita da “Google Suggest” come “contenuto” (suscettibile di essere illecito) potrebbe non convincere tutti.

 

 

reti%20mediaset.jpgDopo il noto caso contro Youtube/Google di cui  si è già molto parlato e la più recente decisione nel caso PFA Films contro Yahoo (vedi anche il precedente post qui), entrambi decisi dal Tribunale di Roma, anche il Tribunale di Milano si pronuncia a favore del titolare dei diritti con una sentenza pubblicata lo scorso 17 giugno nel caso RTI contro Italia On Line S.r.l. (IOL), proprietaria del portale www.libero.it. Il caso è particolarmente interessante poiché affronta la questione da una prospettiva diversa rispetto a quella utilizzata dai giudici romani nei due casi precedenti e, a mio avviso, ancora più pericolosa per le piattaforme che consentono la pubblicazione di contenuti caricati dagli utenti. I precedenti romani avevano in sostanza affrontato il problema dal punto di vista della corretta interpretazione degli artt. 16 e 17 d.lgs. 70/03 che, in sintesi, escludono che l’Internet Service Provider (ISP) abbia un obbligo generale di sorveglianza rispetto al contenuto immesso dagli utenti, prevedendo però che lo stesso, non appena a conoscenza dell’illiceità di detto contenuto, agisca immediatamente per rimuovere le informazioni o per disabilitarne l’accesso; ove ciò non avvenga l’ISP sarà ritenuto responsabile. I giudici romani avevano in particolare ritenuto che anche una diffida “generica” (cioè non necessariamente riferita agli specifici URL di tutti i contenuti contestati) fosse idonea a determinare l’obbligo di rimozione da parte dell’ISP. Si erano poi adottati provvedimenti di inibitoria che vietavano l’ulteriore pubblicazione delle opere in questione (il programma televisivo Il Grande Fratello ed il film About Elly) o di loro brani, così imponendo in sostanza un obbligo di sorveglianza agli ISP sulle future attività dei propri utenti, obbligo espressamente escluso dalle norme sopra citate. E qui stava secondo molti la debolezza di tali decisioni, che peraltro evidenziava una profonda inadeguatezza del sistema  (vedi un altro post sul punto qui). Il Tribunale di Milano ha però ora adottato (anche) una linea diversa: secondo i giudici milanesi, IOL non sarebbe un semplice ISP e quindi ad essa non si applicherebbe quanto stabilito dagli artt. 16 e 17 d.lgs. 70/03. IOL sarebbe  invece un vero e proprio content provider, visto che: i contenuti immessi dagli utenti sono associati a messaggi pubblicitari i cui proventi concorrono a finanziare l’attività di IOL (ed agli inserzionisti IOL propone un servizio che consente di visualizzare i messaggi pubblicitari in relazione agli specifici contenuti propri dei video immessi dagli utenti tramite l’utilizzazione di parole-chiavi comuni); la regolamentazione contrattuale proposta da IOL agli utenti prevede la concessione a IOL, tra l’altro, di licenza di utilizzare, riprodurre, adattare, pubblicare, distribuire, riprodurre i contenuti; IOL ha predisposto un servizio (visibile come link sotto ogni video pubblicato) che consente al visitatore di segnalare l’eventuale illiceità del contenuto, ciò che indicherebbe che IOL si sia assunta direttamente un onere di controllo in apparente contrasto con la semplice attività di ISP; IOL fornisce il servizio aggiuntivo di “video correlati” consistente nella visualizzazione – non ricercata dal visitatore, ma offerta all’utente in via automatica – di altri video che risultano correlati a quello prescelto dall’utente, ciò che presuppone una specifica indicizzazione dei contenuti che ne amplifica ulteriormente la visibilità; infine, la relazione tecnica di RTI avrebbe dimostrato la presenza di un numero non irrilevante di filmati tratti da suoi programmi televisivi immessi sul portale IOL dalla stessa redazione di libero.it.  Pertanto, secondo il Tribunale, “Italia On Line S.r.l. quale soggetto che fornisce (quantomeno) un hosting attivo, in quanto organizza e seleziona il materiale trasmesso dagli utenti (…) e ne arricchisce e completa la fruizione, tanto da poter ritenere l’attività del prestatore del servizio – ancorché eseguita mediante l’ausilio di software – come rivolta alla gestione complessiva dei contenuti originari che risultano selezionati, arricchiti, organizzati mediante prestazione di servizi ulteriori in vista di uno sfruttamento commerciale che pare travalicare la mera remunerazione del servizio offerto, tanto da offrire al visitatore un prodotto che per la sua complessità ed organicità ha come sola base di partenza i contenuti trasmessi dagli utenti e fornisce invece ai visitatori un vero e proprio prodotto audiovisivo dotato di una sua specifica individualità ed autonomia”. Credo non sia difficile prevedere che prima o poi si andrà in Corte di Giustizia su questo punto.

pirate.pngKey4biz riporta la notizia di una proposta di legge statunitense volta a perseguire duramente la pirateria online di contenuti. Pare che essa preveda tra l’altro la definizione come reato grave dello streaming illegale di video a scopi commerciali, punibile fino a 5 anni di prigione se riguarda almeno dieci opere protette da copyright in un periodo di 180 giorni. Non mi è chiaro dalla notizia (cercherò di verificare meglio nei prossimi giorni) come tali disposizioni, , ove approvate, colpirebbero e, in particolare, se colpirebbero i siti web accusati di offrire contenuti illegali, le persone che fanno l’uploading o il downloading di video su e da questi siti, oppure le persone che si limitano a fruire dei contenuti tramite streaming. Questa proposta ci riporta agli ormai noti casi italiani seguiti dal tribunale di Roma che hanno riguardato tra gli altri Google e Yahoo (vedi un mio precedente post qui) e sarà interessante seguirne la strada. E’ probabile che avrà influenze anche da noi. D’altra parte, già il Digital Millennium Copyright Act aveva notevolmente influenzato la nostra direttiva 2001/29/CE, ed anche da noi – ed i casi romani sopra citati ne sono la dimostrazione – si sono ben manifestati i segnali del fatto che le norme contenute in questi provvedimenti legislativi (ormai “vecchi” di più di dieci anni) non sembrano totalmente idonee ad affrontare la realtà di oggi quando si tratta di circolazione di contenuti audiovisivi nella rete.

modular 1.jpgPhilips, società leader nei settori Healthcare, Lighting e Consumer Lifestyle, e la sua controllata Modular Lighting Instruments, società attiva nel settore dell’ideazione di luminarie per interni, hanno ottenuto dal Tribunale di Milano un provvedimento di inibitoria cautelare a tutela di due modelli registrati aventi ad oggetto luminarie da interno del catalogo Modular. In particolare, Philips e Modular avevano rilevato che il catalogo 2010 di un noto distributore italiano, che peraltro aveva recentemente interrotto rapporti di distribuzione esclusiva con la stessa Modular, presentava due prodotti per illuminazione da interno molto simili ai modelli di luminarie “Cake” and “Downut” per le quali Modular ha ottenuto, rispettivamente, il Modello comunitario n. 213350-0003 – CAKE e il Modello comunitario n. 432737-0003 – DOWNUT. Il Tribunale di Milano (con ordinanza cautelare in data 29 dicembre 2010, poi divenuta stabile) ha accertato l’interferenza dei prodotti contestati con i modelli registrati. L’ordinanza è interessante in quanto ovviamente deve far riferimento al difficile parametro dell’utilizzatore informato: ai sensi dell’art. 41 comma 3 CPI, infatti, “i diritti esclusivi conferiti dalla registrazione di un disegno o modello si estendono a qualunque disegno o modello che non produca nell’utilizzatore informato una impressione generale diversa” e norma assolutamente analoga è prevista dal Regolamento 6/2002/CE sul modello comunitario.  L’argomento che viene spesso utilizzato dai contraffattori convenuti in giudizio è che per utilizzatore informato deve intendersi un consumatore particolarmente attento, capace di distinguere anche i particolari che verrebbero invece tralasciati da un consumatore più distratto, da ciò derivando che disegni che, rispetto al modello registrato, si differenzino anche per il minimo particolare, non interferirebbero con l’esclusiva. La lettura corretta sembra però essere in senso contrario. L’utilizzatore informato non è semplicemente un consumatore attento, ma anche un soggetto conoscitore del mercato inerente il singolo prodotto, capace pertanto di prescindere da (piuttosto che notare e dare peso a) quei particolari che non contribuiscono all’impressione generale suscitata dal disegno, e che pertanto non valgono ad escludere l’interferenza. È facile intuire chemdoular 2.jpg quella dei disegni e modelli è una materia estremamente complessa e la formulazione delle norme rilevanti (così come la stratificazione delle interpretazioni di volta in volta fornite, spesso contrastanti) non facilita il compito dei giudici chiamati a decidere i casi di contraffazione. Nel caso di specie, tuttavia, il compito del giudice è stato relativamente facile: come confermato dall’ordinanza, da un confronto tra i design registrati di Philips-Modular e le luminarie contestate è risultato che “i lampadari in esame sono infatti praticamente uguali, sia nelle forme che nelle proporzioni”.  Qualche piccola e insignificante differenza pare in realtà ci fosse, ma, appunto, si trattava di diferenze (spesso non visibili a luminaria instakllata ed in uso) da cui l’utilizzatore informato avrebbe saputo prescindere nell’identificare l’impressione generale del disegno. L’ordinanza in parola è intereSsante anche in quanto – affrontando un profilo di concorrenza sleale confusoria – ha stabilito che le espressioni utilizzate dall’ex distributore nel proprio sito web fossero tali da creare confusione nel pubblico in ordine alla effettiva provenmienza dei prodotti distribuiti, dando l’impressione che si trattasse ancora di prodotti Modular. E’ così stato emesso un ordine di modifica del testo presente nel sito web.